Inquietudine teorica e strategia del gigioneggio

17 gennaio 2008

Quando gli art attack invadono le città

Il tintore della fontana di Trevi è tornato! Ricordiamo ancora l’ immagine della fontana d’improvviso sgorgante rosso sangue, quasi un preannuncio di apocalisse. Stavolta l’iniziativa è molto più giocosa, con mezzo milione di palline colorate lasciate cadere giù dalla scalinata di Piazza di Spagna. L’amministrazione comunale e i politici hanno fatto fronte compatto contro questi due “attacchi d’arte” , definiti atti di intollerabile vandalismo, un’offesa a Roma, uno sfregio che lascia sbigottiti, bla bla bla. Attenzione, nessun importante monumento di Roma è stato danneggiato, anzi direi che sono stati valorizzati, rivestiti per qualche minuto di una nuova potenza espressiva, tranquillamente paragonabile a qualsiasi altra forma di arte urbana.

Pare che i responsabili siano vicini all’estrema destra e che le loro azioni abbiano dei presupposti politici. Sinceramente non lo so e neppure mi interessa. Preferirei che gli autori fossero semplicemente spinti dall’arte fine a se stessa, magari dall’impulso di coinvolgere la città in una nuova corrente, dalla voglia di rinnovare la bellezza. In realtà mi piace pensare che sia tutto un complotto di Giovanni Mucciaccia.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.